ARTRITI E ARTROSI, come fare diagnosi?

Le artriti sono delle malattie che colpiscono le articolazioni delle mani, polsi, spalle,bacino,ginocchia,piedi, caviglie e colonna vertebrale, distinte in: degenerative (ARTROSI), infiammatorie (ARTRITE REUMATOIDE,ARTRITE PSORIASICA,SPONDILITE ANCHILOSANTE), infettive (TUBERCOLARE,PIOGENICA) o metaboliche Artrite2(GOTTA,IPERPARATIROIDISMO,CPPD).

La diagnosi viene fatta mettendo insieme manifestazioni cliniche e sintomi, dati di laboratorio e reperti radiografici, ecografici o di risonanza magnetica.

I sintomi comuni alle ARTRITI sono:

-CALORE: l’articolazione è calda al tatto

-TUMEFAZIONE: l’articolazione è gonfia

-RIGIDITA’: l’articolazione è bloccata parzialmente o totalmente

-DOLORE: il dolore può essere più o meno intenso

-ARROSSAMENTO: i tessuti molli sovrastanti l’articolazione appaiono arrossati

Tra gli esami di laboratorio che permettono di fare diagnosi differenziale per le varie tipologie di ARTRITI ricordiamo:

-VES

-PCR

-FATTORE REUMATOIDE

-CRIOGLOBULINE

-FIBRINOGENO

-URICEMIA

-PTH

La prima indagine da fare è sicuramente la radiografia dell’articolazione colpita che permette di valutare la morfologia dei segmenti ossei colpiti e dello spazio articolare.Artrite_Artrosi

L’ecografia articolare permette invece di valutare l’eventuale ispessimento flogistico della capsula articolare, l’eventuale tumefazione dei tessuti molli e il versamento articolare.

La Risonanza magnetica invece tramite il suo eccellente contrasto tra tessuti molli ed osso consente di valutare lo stato della cartilagine articolare,della corticale e della midollare dell’osso,della sinovia,della capsula articolare,dell’eventuale versamento articoolare,dei tessuti molli,dei tendini e legamenti.